Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Notre Dame De Paris e la Storia d'Europa

di Michela Frattaroli , pubblicato il 15 Gennaio 2005 nel canale CINEMA

“Il successo di "Notre Dame de Paris" ha radici nella storia d'Europa e i temi del romanzo sono più che mai attuali. Lo spettacolo riporta alla ribalta gli ideali romantici di un mondo sempre in trasformazione e compie il suo trionfo senza alcuna banalità”

Storia D'Europa

 

Dopo più di due anni di repliche ininterrotte tra il Gran Teatro di Roma e quelle città d' Italia che avevano lo spazio giusto per accogliere l'allestimento faraonico di questo show, lo spettacolo tratto dal romanzo omonimo di V. Hugo, che ha avuto nel mondo oltre 15.000.000 di spettatori, si è fermato.

Tradotto in italiano, l'opera trasforma in parole e musica alcuni dei temi del famosissimo romanzo francese - paradigma del Romanticismo europeo scritto nel 1830 - dando voce ai suoi mitologici personaggi. Per questa versione italiana sarebbe più giusto dire "musica e parole", visto che la versione originale francese si sviluppa dalle parole di Plamondon, fuse magistralmente con la musica di Cocciante: il testo in lingua italiana è frutto di un adattamento.

Ma “l'adattatore” è un poeta, quel Panella legato indissolubilmente all'ultimo Battisti. Le parole create dal poeta italiano sono persino più belle, come in “Parlami di Firenze”, dove una metrica permissiva ed un ritmo accomodante danno spazio alla sensibilità e si fondono in un testo poetico e potente, più lirico ed aderente alle atmosfere letterarie.

Il canto che esalta per due ore di spettacolo è quello degli “esclusi” capeggiati dal loro Re, delle prostitute e dei delinquenti. Sono i Sans papier , i clandestini che nel romanzo vivono nella Corte dei Miracoli alle porte di Parigi.

Gli esclusi non erano tanto diversi dalle masse di lavoratori annidate nelle periferie delle nascenti metropoli europee dell'epoca in cui Hugo scrive. Non sono tanto diversi dalle moltitudini di immigrati che oggi premono alle porte delle nostra ricche città.