Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Venezia 68

di Michele Addante , pubblicato il 29 Agosto 2011 nel canale CINEMA

“Panoramica sulla prossima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica in programma dal 31 agosto al 10 settembre 2011 nella favolosa cornice del Lido di Venezia. Tra scene hot e grandi divi che catturano l’attenzione, il vero protagonista resta il cinema internazionale in tutte le sue forme”

Venezia 68

La giuria, presieduta dal regista de Il cigno nero Darren Aronofsky e composta da Alba Rohrwacher, Eija-Liisa Ahtila, dal musicista David Byrne e dai registi Mario Martone, André Techiné e Todd Haynes, dovrà scegliere il vincitore del Leone d’oro tra 23 lungometraggi in prima mondiale. Tanti i grandi nomi in concorso per questa categoria: partendo da The Ides of March (film d’apertura) di George Clooney, citiamo 4:44 Last Day on Earth di Abel Ferrara, Killer Joe di William Friedkin e Carnage di Roman Polanski con Jodie Foster, Kate Winslet e Christoph Waltz. Tre i lungometraggi nostrani in gara: Quando la notte di Cristina Comencini con Claudia Pandolfi e Filippo Timi, Terraferma di Emanuele Crialese e l'opera prima del fumettista Gipi, intitolata L'Ultimo terrestre.

Al Lido sono previsti sbalzi improvvisi di temperatura a causa delle scene piuttosto hot presenti in questa sezione: il pubblico maschile non potrà perdersi la lunga scena di nudo integrale con protagonista la nostra Monica Bellucci in Un été brulant del francese Philippe Garrel, che racconta una storia di amicizia tra giovani artisti cresciuti senza aver mai conosciuto gli orrori della guerra; il pubblico femminile può riscattarsi con le sequenze di nudo integrale di Michael Fassbender in Shame diretto da Steve McQueen che segue le vicende di un trentenne incapace di gestire la propria vita sessuale.

Michael Fassbender è anche nel cast di A dangerous method di David Cronenberg, che racconta le vicende dei due padri della psicanalisi, Sigmund Freud (Viggo Mortensen) e Carl Jung (Fassbender), e del loro rapporto con la bellissima paziente e allieva Sabina Spielrein (Keira Knightley). Nel trailer che vi proponiamo l’irresistibile Keira Knightley si lascia frustare da Fassbender in una scena sadomaso che sta ben pubblicizzando la pellicola.