Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Alice in Wonderland

di Alessio Tambone , pubblicato il 17 Marzo 2010 nel canale CINEMA

“Nelle sale cinematografiche di tutto il mondo il regista Tim Burton e i suoi attori preferiti Johnny Depp e Helena Bonham Carter portano in scena l'ultima versione di Alice nel paese delle meraviglie. Ecco il giudizio di AV Magazine, con commento alla qualità 3D visionata in sala”

La colonna sonora

Quando si parla di film diretti da Tim Burton è d'obbligo il riferimento alla colonna sonora, realizzata in genere dal suo storico collaboratore Danny Elfman. Candidato a quattro premi Oscar, Elfman realizza questa volta un lavoro comunque interessante ma che non lascia particolarmente il segno. Anche il brano finale della Deliranza, il ballo gioioso degli abitanti del Sottomondo, appare poco incisivo nonostante il compositore abbia composto quattro pezzi diversi, ognuno unico e molto particolare, sottoponendoli per la scelta allo stesso regista, "oltrepassando" a suo dire "i limiti di ciò che può essere accettabile". Forse alla fine hanno scelto un brano diverso...

Ad accompagnare l'uscita del film in sala c'è anche Almost Alice, una compilation di 16 canzoni con il brano finale del film Alice (Underground), scritto ed interpretato da Avril Lavigne, oltre a brani di All American Rejects, 3OH!3, The Cure’s Robert Smith, Franz Ferdinand e Shinedown. Il titolo dell’album Almost Alice è tratto da una battuta del film. Tutti nel Sottomondo hanno aspettato Alice dalla sua prima visita quando era una bambina, ma al suo ritorno nessuno, compresa la stessa Alice, crede che sia quella Alice, ovvero la bambina sicura di sé ed esuberante che avevano conosciuto. Alla fine, sarà il saggio Brucaliffo a definirla “Almost Alice”, quasi Alice.