Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Oscar 2010: i vincitori

di Alessio Tambone , pubblicato il 08 Marzo 2010 nel canale CINEMA

“Si è appena conclusa l'82esima edizione degli Oscar. AV Magazine ha seguito l'importante serata e propone come di consueto il racconto in tempo reale delle premiazioni. Non sveliamo niente e vi auguriamo buona lettura...”

John Hughes, trucco, sceneggiatura non originale

Momento di ricordo dedicato a John Hughes regista e sceneggiatore di una moltitudine di commedie per famiglie, morto per un attacco cardiaco il 6 Agosto 2009. Dalla sua penna sono nati film come Un biglietto in due, Io e zio Buck, Mamma, ho perso l'aereo, Beethoven e Dennis la minaccia e Miracolo nella 34ma strada.

Dopo una serie di premi dedicati ai vari cortometraggi in gara, è il turno del'Oscar come Miglior trucco. Ben Stiller sale sul palco travestito da Avatar e comincia a parlare la lingua dei Na'vi. Dice di aver dovuto scegliere tra quel vestito e la divisa da nazista, scelta quindi scontata. Anche se in realtà Avatar non è nominato nella categoria Miglior trucco. Star Trek invece si. Conclude quindi dicendo che l'ideale sarebbe stato salire sul palco con le orecchie del dottor Spock. Ma aveva solo quelle della serie classica... Il premio va proprio a Star Trek, che così batte The young Victoria e soprattutto Il divo, unico film italiano in gara.

Precious porta a casa la prima statuetta come Miglior sceneggiatura non originale. Un emozionatissimo Damien Paul viene premiato per il suo adattamento del romanzo Push di Sapphire, battendo District 9, An Education, In the Loop (unica nomination) e Tra le nuvole. Lo scrittore non riesce e ringraziare e a parlare per l'emozione. Rientrando sul palco Steve Martin confessa di essere l'autore del discorso di ringraziamento appena sentito.