Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Avatar

di Alessio Tambone , pubblicato il 19 Gennaio 2010 nel canale CINEMA

“Ecco la particolare e approfondita recensione tecnico-artistica di Avatar, film evento pensato, scritto e diretto da James Cameron attualmente in programmazione praticamente in tutto il mondo. Il film è distribuito in Italia da 20th Century Fox. Buona lettura”

Il giudizio tecnico di Alessio Tambone: RealD e Pellicola

Io invece ho scelto per le due visioni che avevo in mente un paragone tra una proiezione con sistema tridimensionale RealD nella catena The Space Cinema a Casamassima (BA) e una visione tradizionale con semplice pellicola presso il cinema Armenise a Bari. Nel primo caso con una posizione un po' troppo vicina allo schermo ho potuto godere di un'ottima luminosità sostenuta da colori abbastanza saturi. L'effetto 3D era sempre presente in maniera non fastidiosa tranne - in qualche sequenza - nelle zone laterali dello schermo. Nel mio caso, a differenza dell'esperienza di Emidio, ottimi e perfettamente leggibili i sottotitoli.

L'audio, pulito nei dialoghi e giusto nei volumi, non mi ha entusiasmato: sinceramente mi aspettavo di più. Panning presente ma mai sorprendente e bassi poco marcati hanno accompagnato tutta la visione del film. Alla fine è stata una proiezione comunque gradevole e soprattutto non pesante per gli occhi, fattore molto importante vista la durata del film e l'assenza di intervallo (scelta pienamente condivisa).

Mi sono quindi spostato al cinema Armenise per la mia visione del film in 2D. Tutto sommato buona la proiezione e la qualità della pellicola, con qualche indecisione sui dettagli nelle basse luci. Il film scorre con tranquillità e tecnicamente non risente della mancanza del 3D. La classica visione della pellicola è semplicemente più deficitaria dal punto di vista artistico - se mi passate il termine - con una spazialità quasi nulla rispetto alla proiezione 3D. Considerazione scontata mi direte, ma dato che apprezzo la stereoscopia molto più per la tridimensionalità oltre lo schermo e non per gli oggetti che ti vengono addosso... Allora 1 a 0 per il 3D!