Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Le Crociate

di Alessio Tambone , pubblicato il 19 Maggio 2005 nel canale CINEMA

“Da maggio è nelle sale italiane il nuovo attesissimo film di Ridley Scott 'Le crociate'. Il regista de "Il Gladiatore" ci propone un'epica avventura ambientata nel XII° secolo con un cast artistico e tecnico di altissimo livello. Ecco il nostro giudizio.”

Effetti speciali e qualità audiovideo

In tutto il film sono disseminati effetti speciali più o meno evidenti. Una delle scene che personalmente attendevo maggiormente era l'assedio notturno a Gerusalemme, nel quale l'uso degli effetti speciali aveva un ruolo predominante. E' stato molto ben realizzato, unendo effetti speciali reali con composizioni aggiunte in Computer Grafica. La bella sensazione si attenua leggermente nella scena successiva, quando l'assedio riprende di giorno. 

La luce del sole introduce sulla scena numerosi elementi problematici, come le ombre, i riflessi e il bisogno di un'immagine necessariamente più curata, che si fanno sentire nel computo della verosimilità della scena. Non eccezionali neanche le navi realizzate sullo sfondo prima della partenza verso la Terra Santa, mentre è da apprezzare la resa visiva della tempesta che distrugge la nave di Balian.

Buona la qualità della pellicola visionata. Contorni definiti e neri abbastanza perfetti, consentono di non distrarsi troppo dalla visione del film. La varietà di scene realizzate, cariche di ombra o luce, non subisce particolari problematiche legate alla natura della pellicola. L'audio Dolby Digital ascoltato è un'altro dei punti positivi del film. Un buon uso dei canali frontali è affiancato da uno sfruttamento alternativo dei canali posteriori.

Questi sono sempre presenti per tutta la durata del film, ma contribuiscono alla scena in maniera diversa, dipendente dalla situazione. In scene normali vengono utilizzati prettamente per riprodurre i suoni d'ambiente, mentre nelle scene di battaglia si incaricano di trasmettere la colonna sonora, lasciando i canali frontali liberi di offrire il "suono della guerra". Da segnalare inoltre, sempre durante gli scontri, l'uso di numerosi effetti di panning, che contribuiscono all'immedesimazione dello spettatore nella scena.