Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo

di Alessio Tambone , pubblicato il 27 Maggio 2008 nel canale CINEMA

“Dal 23 maggio il celebre archeologo si riaffaccia sul grande schermo in un ritorno chiesto a gran voce dai fan di tutto il mondo. Indy is back, è con lui il grande gruppo artistico e tecnico che ha fatto il successo del personaggio negli anni passati, a partire dal trio Ford, Lucas e Spielberg.”

Una trilogia ricca di avventura

Anno 1981. Dopo il successo di Guerre stellari e L'impero colpisce ancora, George Lucas è finalmente pronto per tirare fuori dai suoi archivi di gioventù l'idea Indiana Jones, un archeologo avventuroso con una doppia vita da pacifico docente universitario alla ricerca di manufatti dai poteri soprannaturali. Per portare in vita il progetto Lucas chiama accanto a se il suo grande amico Steven Spielberg, reduce dal flop 1941: Allarme a Hollywood. Per la parte del protagonista i due scritturano Tom Selleck, che però a poche settimane dal primo ciak deve abbandonare l'impresa a causa dei contratti esclusivi per la serie TV Magnum P.I. Spielberg riesce a convincere Lucas ad utilizzare Harrison Ford, giovane attore che aveva già raccolto i primi successi proprio con le guerre stellari di Lucas.

Il resto è storia. Indiana Jones è diventato uno dei personaggi leggendari della storia mondiale del cinema. Imitato, citato, saccheggiato in molti film anche recenti, il giovane archeologo ha continuato a mietere proseliti in ogni generazione, diventando l'icona per eccellenza dei prodotti di avventura. Il primo film è stato seguito da due sequel abbastanza ravvicinati nel tempo, che hanno incassato nel complesso una cifra considerevole: due delle tre pellicole - I predatori dell'arca perduta e Indiana Jones e l'ultima crociata - rientrano nella classifica dei 100 film con il maggiore incasso di sempre in tutto il mondo.

Inoltre l'intera trilogia ha vinto sei premi Oscar così distribuiti: quattro a I predatori dell'arca perduta come Miglior scenografia, Miglior sonoro, Migliori effetti speciali visivi e Miglior montaggio; uno a Indiana Jones e il tempio maledetto come Migliori effetti speciali visivi e uno a Indiana Jones e l'ultima crociata come Migliori effetti speciali sonori.