Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo

di Alessio Tambone , pubblicato il 27 Maggio 2008 nel canale CINEMA

“Dal 23 maggio il celebre archeologo si riaffaccia sul grande schermo in un ritorno chiesto a gran voce dai fan di tutto il mondo. Indy is back, è con lui il grande gruppo artistico e tecnico che ha fatto il successo del personaggio negli anni passati, a partire dal trio Ford, Lucas e Spielberg.”

Vecchie location

Una delle maggiori difficoltà per il reparto scenografico è stata la necessità di riprodurre molte location dei vecchi film di Indiana Jones. In particolare il Marshall College, a suo tempo ricostruito a Londra (interni) e nella University of the Pacific nella California settentrionale (esterni). La soluzione è stata offerta dalla scuola della Ivy League, a New Haven, nel Connecticut, che ha offerto una grande collaborazione anche per le scene in esterno con la fuga in motocicletta del protagonista e di Mutt.

Lo stage 29 degli Universal Studios in California è stato invece contenitore per un altro celebre set: la casa di Indy. Ricostruita nel dettaglio facendo attenzione a tutti i particolari (solo come il cinema americano sa fare) il set racconta visivamente il personaggio di Indiana Jones con una immensa libreria ricca di vecchi e polverosi libroni e con una miriade di oggetti e reliquie, recuperate presumibilmente da Indiana negli anni passati dalla sua ultima avventura. A questo proposito vi ricordiamo che sul sito ufficiale di Indiana Jones è presente un video del backstage sulla costruzione di questo interessante set.

Con un pensiero ai vecchi film, segnaliamo infine ai patiti di lunga data e ai collezionisti che la zaino che Indy porta con se in questa nuova avventura è lo stesso utilizzato nel film Indiana Jones e l'ultima crociata, recuperato direttamente dai magazzini della Lucasfilm.

Segue : Costumi Pagina successiva