Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Gli Oscar 2005

di Alessio Tambone , pubblicato il 08 Marzo 2005 nel canale CINEMA

“77 edizione dei premi oscar, febbraio 2005. The Aviator contro Million Dollar Baby; Martin Scorsese contro Clint Eastwood. Considerazioni sull'esito dello scontro tra i favoriti, con un ampio sguardo al resto delle categorie e ai relativi vincitori.”

Sceneggiatura, Fotografia e Montaggio


Charlie Kaufman (a sinistra), Alexander Payne e Jim Taylor

Per le sceneggiature nessuna sorpresa. Samuel L.Jackson e Adam Sandler hanno consegnato i premi per la Migliore sceneggiatura originale e non. Charlie Kaufman si è confermato un ottimo sceneggiatore e, dopo essere stato candidato già per Essere John Malkovich (2001) e Il ladro di orchidee (2002), ha portato a casa la sua prima statuetta per la Migliore sceneggiatura originale (Se mi lasci ti cancello). Restano a bocca asciutta, come prevedibile, The Aviator e Gli incredibili. Nella categoria Miglior sceneggiatura non originale hanno vinto Alexander Payne e Jim Taylor con lo script di Sideways, tratto dal romanzo omonimo di Rex Pickett.


Robert Richardson

Kate Winslet ha premiato il vincitore della categoria Migliore fotografia. Lotta serrata, con ogni candidato della cinquina in buona posizione per l'Oscar. Rober Richardson (The Aviator), Zhao Xiaoding (La foresta dei pugnali volanti), Caleb Deschanel (La passione di Cristo), John Mathieson (Il fantasma dell'Opera) e Bruno Delbonnel (Una lunga domenica di passioni). Le diverse sfumature di The Aviator, i forti contrasti de La foresta dei pugnali volanti, le immagini cariche di luminosità e ombre tipiche dei quadri del Caravaggio de La passione di Cristo, il caldo Il fantasma dell'Opera e i colori pastello de Una lunga domenica di passioni: ognuno di questi film ha una fotografia degna di nota, unica e ricercata. La spunta The Aviator, va bene così.


Thelma Schoonmaker, Miglior Montaggio per The Aviator

Vincitrice del premio come Miglior montaggio è stata Thelma Schoonmaker per The Aviator, montatrice di fiducia di Martin Scorsese. Aveva già collaborato con lui infatti per Gangs of New York, Kundun, Toro scatenato, Quei bravi ragazzi, ecc... Era stata candidata già 4 volte nel passato, vincendo nel 1980 l'Oscar per Toro scatenato. Nella recensione pubblicata da AV Magazine su The Aviator avevo già espresso il mio personale mancato apprezzamento per il lavoro di montaggio del film. Forse sarebbe stato più meritevole il lavoro di Jim Miller e Paul Rubell per Collateral.