Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Bee Movie

di Alessio Tambone , pubblicato il 02 Gennaio 2008 nel canale CINEMA

“Nelle sale italiane in questi giorni c'è il nuovo film della DreamWorks Animation che torna ad occuparsi degli insetti a 10 anni da "Z La Formica". Bee Movie è la storia di un'ape che porta alla riscossa la causa del suo piccolo mondo. Una lotta tra la lobby del miele e le ignare api lavoratrici”

Studio sulla scenografia

Per un buon risultato sullo schermo era necessario riportare la stessa attenzione messa nella creazione dei personaggi anche nell'ideazione degli ambienti. La maggior parte delle scene del film si svolge in due mondi completamente diversi tra loro: quello degli umani e l'alveare delle api. Era necessario quindi uno stacco netto nella creazione delle strutture scenografiche. Un lavoro che è stato portate a termine in maniera egregia da Alex McDowell, uno scenografo con una ampia lista di riconoscimenti per la realizzazione di film come Minority Report, Charlie e la fabbrica di cioccolato e La sposa cadavere.


La fabbrica di miele Honex, destinazione lavorativa di Barry

Il regista Simon Smith, a questo proposito, racconta: “Alex è stata la persona che oltre al suo talento ha trovato la soluzione a come sarebbe stato il mondo delle api. Il mondo umano sarebbe stato caratterizzato da linee dritte ed angoli retti, vetro e acciaio, forme rettangolari — quello sarebbe stato il nostro linguaggio visivo. Le api sono rotonde, carine, grassottelle e a strisce, e il loro mondo rispecchia queste caratteristiche; è tondeggiante. Una volta stabilite queste linee, è diventato più semplice lavorare. Separando visivamente in maniera netta i due mondi , non si poteva più confondere l’uno con l’altro. Con un contrasto così forte, è diventato semplice creare delle differenze."

La fabbrica di miele Honex e il mondo delle api sono stati in parte ispirati dall'affascinante look di metà secolo del Terminal TWA dell'aeroporto JFK di New York. Un leggero sistema di forme rotonde che richiama il modernismo degli anni '50, tutto realizzato naturalmente con il miele. Niente tecnologia estrema quindi, ma centrifughe e macchine che creano bollicine che fanno somigliare la fabbrica di miele ad una divertente e gustosa fabbrica di caramelle.

Segue : Conclusione Pagina successiva