Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Ready Player One

di Alessio Tambone , CineMan , pubblicato il 16 Aprile 2018 nel canale CINEMA

“Universo virtuale o mondo reale. Steven Spielberg confeziona un film imperdibile, tecnicamente all'avanguardia e pieno zeppo di rimandi, citazioni ed Easter Egg pił o meno nascosti. Ecco il giudizio di AV Magazine”

Qualitą A/V in 70mm e digitale 2K

- click per ingrandire -

La versione analogica in 70mm

Girato principalmente in analogico, con pellicole Kodak 35 mm ed emulsioni da 250 e 500 ASA, quale occasione migliore per correre in Sala Energia presso l'Arcadia di Melzo (Mi) per assistere alla proiezione 70 mm? Non ci siamo lasciati sfuggire l'opportunità di avvicinarci il più possibile al concept di questa magnifica opera che in tale formato viene proposta con audio DTS con 5.1 canali e con l'intera colonna sonora separata dalla pellicola. La copia in possesso di Arcadia è la numero 002 (la 001 è quella di Steven Spielberg), è l'unica in distribuzione in Europa e si è rivelata praticamente perfetta e priva di segni fisici, riproponendo il blow-up del girato 35 mm con eccellenti colori, luminosità, un livello del nero sensibilmente più contenuto rispetto alla tecnologia digitale DLP e una sottile grana in background a completare il quadro scenografico, il tutto sul gigantesco schermo da 3 metri di base. La preziosa pellicola nel corso delle proiezioni è lasciata esclusivamente nelle sapienti mani di Piero Fumagalli, fondatore e AD di Arcadia Cinema.

Rispetto alla riproduzione in digitale 2K, la versione in 70mm è dotata sicuramente di un rapporto di contrasto più elevato e di una tridimensionalistà più convincente. Restano comunque evidenti tutti i limiti della pellicola a scorrimento verticale, come la stabilità di quadro o la leggera vignettatura che con il digitale avevamo quasi dimenticato. Nota di merito anche al comparto audio che, senza forzare la mano su volumi eccessivi, ha riproposto la magnifica colonna sonora con le composizioni del maestro Alan Silvestri, in misura avvolgente e dinamica regalando numerose scariche di adrenalina, specie nel corso dei tantissimi contest in seno a Oasis. In questo caso, benché la colonna sonora fosse codificata soltanto in 5.1. Il film è visionabile in 70 mm anche in lingua originale mentre coloro che desiderassero la visione digitale, Arcadia offre le versioni 3D e Dolby ATMOS, queste ultime due sia in italiano che in lingua originale.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine in massima risoluzione -

La versione in digitale 2K

Per l'analisi della versione in digitale 2K abbiamo visitato l'eccellente sala 1 del Nuovo Cinema Smeraldo, con schermo da 9 metri di base, proiettore DLP Barco 2K ben calibrato, con messa a fuoco perfetta e sistema audio Dolby Atmos. Rispetto alla proiezione in 70mm, il livello del nero del DLP è sicuramente superiore, particolare che comprime leggermente la gamma dinamica, a favore ovviamente della versione in 70mm in cui abbiamo apprezzato anche colori piacevolmente più saturi. Dettaglio generale e stabilità di quadro sono invece inevitabilmente superiori qui allo Smeraldo. La proiezione in 2K ha permesso anche di evidenziare meglio alcune inquadrature caratterizzate da un eccesso di grana, molto poche per la verità. L'audio in Dolby Atmos invece è a dir poco spettacolare, con ricostruzioni decisamente più precise rispetto all'esperienza all'Arcadia di Melzo che però rimane a distanza siderale per equilibrio timbrico, estensione sulle basse frequenze e rapporto elevatissimo tra potenza sonora percepita (anche col corpo) e fatica d'ascolto che è prossima allo zero. 

 

La pagella secondo Alessio Tambone

Film  8,5 
Video  8 
Audio  8 

 

La pagella secondo CineMan

Film  9 
Video  9 
Audio  8,5 

 

La pagella secondo Emidio Frattaroli

Film  8,5 
Video  7 
Audio  9 

 

 

Articoli correlati

Tutti al cinema: aprile

Tutti al cinema: aprile

Suggerimenti e calendario completo per le uscite nei cinema italiani nel mese di aprile. Una rubrica di AV Magazine per essere sempre aggiornati su quello che succede all'interno dei cinema italiani, con info sul film e trailer. A voi la scelta!



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Lanfi pubblicato il 18 Aprile 2018, 11:51
Sinceramente a me un film non solo girato con pellicola (diciamo per scelta artistica del regista) ma con un DIP a 2k, in una megaproduzione multimilionaria e nel 2018, mi pare tutto fuorché tecnicamente all'avanguardia.