Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Aspettando gli Oscar...

di Alessio Tambone , pubblicato il 25 Febbraio 2005 nel canale CINEMA

“Una piccola guida riassuntiva sugli Oscar e su quello che succederà nella 77° edizione, in programma il 27 febbraio al Kodak Theater di Los Angeles. Per non perdere neanche un minuto della magica notte del cinema... e per ricordare quello che è successo nel passato.”

Dove ci eravamo lasciati

Ma cosa è successo lo scorso anno? Quali sono stati i vincitori e i vinti? Basta citare un solo titolo: Il Signore degli Anelli: Il ritorno del Re. L'ultimo capitolo della trilogia di Peter Jackson si presentava al festival con 11 nomination. E a fine serata vantava 11 statuette. En plein.

Il film si aggiudica l'Oscar come miglior film, miglior regista (Peter Jackson), miglior sceneggiatura non originale (Philippa Boyens, Peter Jackson e Frances Walsh), migliore montaggio (Jamie Selkirk), migliore scenografia (Grant Major, Dan Hennah e Alan Lee), migliori costumi (Ngila Dickson), miglior trucco (Richard Taylor e Peter King), migliore sonoro (Christpher Boys, Michael Semanick, Michael Hedges e Hammond Peck) , migliori effetti visivi (Jim Rygiel, Joe Letteri, Randall William Cook e Alex Funke), migliore canzone originale (Into the West, di Frances Walsh, Howard Shore e Annie Lennox) e migliore colonna sonora originale (Hovard Shore). Grande festa quindi, e riconoscimento dell'eccellente lavoro fatto con la trilogia.

Nei mirabolanti effetti visivi si perdono però gli attori, che non ricevono neanche una nomination. Questo permette la presenza di titoli diversi nelle quattro categorie degli attori. La sezione maschile è tutta ad appannaggio del fantastico film di Clint Eastwood Mystic River, con Sean Penn che vince la statuetta come miglior attore protagonista e Tim Robbins che vince quella come miglior attore non protagonista. Sul versante femminile premio come miglior attrice protagonista alla bellissima Charlize Theron, imbruttitasi (molto) per interpretare la serial killer Aileen Wournos in Monster. Premio come miglior attrice non protagonista alla simpatica Renée Zellwegger di Ritorno a Could Mountain.

L'Oscar al miglior film di animazione va al simpatico pesciolino della Pixar Nemo, che con Alla ricerca di Nemo sbaraglia i meno blasonati Koda - Fratello orso e Appuntamento a Belleville. L'altro film australiano in gara (il primo è Il Signore degli Anelli: Il ritorno del Re) Master & Commander: Sfida ai confini del mare riceve il premio come migliore fotografia e migliori effetti sonori. Rimangono pochi premi disponibili. Migliore sceneggiatura originale a Sofia Coppola, figlia del grande regista Francis Ford Coppola, per il suo Lost in translation. Miglior film straniero a Le invasioni barbariche di Denys Arcand, premio alla carriera per Blake Edwards.