Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Logan - The Wolverine all'Arcadia

di CineMan , Emidio Frattaroli , pubblicato il 09 Marzo 2017 nel canale CINEMA

“Anteprima all'Arcadia di Melzo, in sala Energia, organizzata da 20th Century Fox per l'ultimo film Marvel in cui Hugh Jackman e Patrick Stewart hanno dato l'addio ai loro storici personaggi, con immagini a risoluzione 4K, audio in Dolby Atmos, il tutto proiettato con tecnologia laser”


- click per ingrandire -

Nel futuro la presenza dei mutanti sulla Terra è drasticamente diminuita, nessuna nuova nascita negli ultimi 20 anni. Gli X-Men sono un polveroso ricordo, Logan (Hugh Jackman) è un Wolverine stanco e pieno di acciacchi che lavora come autista di limousine e si prende cura del novantenne Professor X (Patrick Stewart), che necessita di cure costanti a causa di una malattia degenerativa del suo pericoloso e potente cervello. Il progetto di lasciare lo sperduto luogo dove vivono lontani da tutto e da tutti viene ben presto meno quando i due entrano in contatto con una giovanissima mutante inseguita da una misteriosa e spietata organizzazione paramilitare.


- click per ingrandire -

Non ero al corrente che la regia di “Logan” appartenesse a James Mangold, sapendolo avrei nutrito più d'una perplessità in merito alla riuscita del progetto sulla scorta del mediocre “Wolverine – L'immortale” (2013), mi sarei sbagliato di grosso. Il regista, che mi sorprese felicemente col drammatico “Cop Land” (1997), in questo caso merita un ulteriore plauso in quanto artefice della storia e co-sceneggiatore di una pregevole ed inaspettata avventura crepuscolare nell'universo dei supereroi Marvel. Un cambio generazionale evidentemente percepito come necessario, decisione di voltar pagina che giunse altrettanto inaspettata nella saga di 007 con “Skyfall”, questo “Wolverine” segna l'ultima interpretazione nel ruolo non solo per Hugh Jackman ma anche per Patrick Stewart.


- click per ingrandire -

Recentemente l'attore australiano, che non nega di dovere tanto al personaggio Marvel, ha affermato di aver dato nel corso delle riprese tutto quello che poteva e non si può che confermarlo. Il film è in assoluto il migliore tra quelli dedicati a Wolverine, ricco di momenti adrenalinici, cattura l'attenzione e incolla lo spettatore allo schermo una volta entrati facilmente in empatia col supereroe di adamantio. Rispetto al passato l'evoluzione del racconto non va affatto per il sottile con passaggi adrenalinici quanto truculenti che hanno visto assegnare il rating V.M. 14 da noi ed “R” negli States, ovvero visione vietata ai minori di 17 anni se non accompagnati da un adulto.

  
- click per ingrandire -

L'anteprima di “Logan” è stata particolarmente ghiotta presso il Cinema Arcadia in quel di Melzo (Mi), organizzata in collaborazione con 20th Century Fox. L'atrio di Arcadia è stato letteralmente invaso da una parata di Harley-Davidson, postazioni dove gli ospiti potevano essere truccati con realistici segni di ferite e una galleria fotografica in bianco e nero ripercorrendo momenti della produzione. Proiezione al solito presso la maestosa sala Energia, dotata di un nuovissimo proiettore laser 4K Christie che ha dato degna luce al DCP del film (purtroppo "solo" a risoluzione 2K) con l'esplosiva codifica Dolby ATMOS. Prima della film gli spettatori hanno gustato ben 3 trailer di opere di prossima uscita: “The War – Il pianeta delle scimmie” di Matt Reeves, “Alien Covenant” di Ridley Scott e “La cura del benessere” di Gore Verbinski.

 
- click per ingrandire -

La fotografia è del britannico John Mathieson (“Il Gladiatore”,  “Le Crociate”, “X-Men L'inizio” e “Pan”, quest'ultimo disponibile in UHD Blu-ray 4K HDR) che ha usato camere Arri Alexa (risoluzione nativa 3,4K) con aspetto decisamente "ruvido" e in grado di restituire le polverose ambientazioni con grana costante in secondo piano. Il Digital Intermediate 4K lascia una minima possibilità per una vera produzione Blu-ray UHD di pari livello. Anche in questo caso lo spettacolo è stato oltremodo coinvolgente grazie al Dolby ATMOS con oculata e dinamica distribuzione degli elementi sonori ed effetti esaltando i numerosi passaggi roboanti, in particolare la seconda parte e il confronto finale tra Wolverine, la sua nemesi e l'esercito paramilitare alla caccia dei giovani mutanti. 

La sala Energia, con nuovo e luminosissimo schermo e con proiettore laser 4K, si conferma un vero riferimento in Italia e non solo, anche grazie al rinnovato sistema di riproduzione audio che è dotato di una energia dirompente in gamma bassa, senza alcun tipo di distorsione. Approfittiamo per segnalare che proprio la sala Energia di Melzo è nel terzetto finale per il premio ICTA 2017 per il miglior schermo d'Europa (tra quelli rinnovati, a partire dal 1995). Se siete membri ICTA potete votare a questo indirizzo.

Un particolare ringraziamento a Laura Fumagalli, Marketing Manager di Arcadia.

Per maggiori informazioni: www.arcadiacinema.it

 

 



Commenti (14)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 11 di: OverOverclockGear pubblicato il 20 Marzo 2017, 00:29
E' il solito problema delle aspettative troppo alte, probabilmente.
Commento # 12 di: ...zed... pubblicato il 20 Marzo 2017, 19:24
troppo alte......o troppo basse...?
io con terminator genesis avevo aspettative talmente basse......che alla fine il film non mi è nemmeno dispiaciuto, mi aspettavo na zozzeria tale che fare meglio è stato semplice

qui secondo me han lavorato bene...ormai il trend dei Comic Movie va verso questa direzione: partiti dai primi spiderman e x-men molto fumettosi (quasi puerili a volte) con dissolvenze cartoon, calzamaglie e tutine finto vintage, x arrivare agli ultimi (Batman V Superman, Civil War, logan) molto piu cupi e crudi, sicuramente piu film per adulti, visto anche il VM14 di Logan, che per ragazzini.

piu che altro mi sorge una domanda: visto che gli appassionati dei fumetti classici hanno ormai ormai mediamente passato i 30 anni (io ne ho 32 e vedo che i piu giovani di me difficilmente si sono appassionati al genere, o conoscono alla buona solo i 2-3 personaggi piu famosi) sarà che le case han capito che il 15 rende poco e magari non va nemmeno al cinema ma scarica il film, mentre il 30/40 enne paga il biglietto, e magari anche x morosa e figlio, e ha piu soldi da spendere in gadget e simili (x lo meno io ne ho la casa piena) quindi ri raddrizza il target verso un cliente piu maturo..?
per i film da nerd che vado a vedere io, solitamente in sala sono uno dei piu giovani....
Commento # 13 di: kayama728 pubblicato il 22 Marzo 2017, 17:23
Originariamente inviato da: Emidio Frattaroli;4707710
Macchia non direi. Magari leggera ombra ma non so da cosa dipenda, se dallo schermo, dall'obiettivo o dalla finestra di proiezione. Credevo di averla vista soltanto io poiché ho chiesto ad un paio di persone e non avevano visto nulla. Non vorrei che l'avessimo vista solo noi due, caro zed. Ho segnalato la cosa e sono in attesa di una ri..........[CUT]


ciao Emidio, Zed

la 'macchia' o come vuoi chiamarla l'abbiamo notata anche noi, ero con Airgigio che subito ha richiamato l'attenzione
Commento # 14 di: TrePerTre pubblicato il 25 Marzo 2017, 21:20
Visto qualche giorno fa, sul comparto tecnico c'è davvero poco da dire ma per quanto riguarda tutto il resto ormai sono 3 film che gli x-men (gnegnegne questo è wolverine non x-men gnegnegne) sono eccessivamente sopra le righe. Inoltre qui abbondano enormemente scene puramente crude e violente che si distaccano dai capitoli precedenti (che possono piacere o meno ma che di certo non ci si aspetta andando a vedere un film della marvel). Non mi ha entusiasmato troppo...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »