Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

300

di Alessio Tambone , pubblicato il 28 Marzo 2007 nel canale CINEMA

“Campione di incassi in America, 300 arriva anche in Italia distribuito da Warner Bros. Un grande film costruito sull'omonima graphic novel realizzata nel 1998 da Frank Miller, diretto dal regista Zack Snyder e seguito da polemiche scatenate in Iran . Ecco il giudizio di AV Magazine”

La fotografia e la qualità A/V

Di grande impatto la fotografia, che caratterizza il film in maniera inconfondibile. Il regista Snyder, d'accordo con il direttore della fotografia Larry Fong al suo esordio cinematografico, è intervenuto in maniera decisa sull'equilibrio del colore attraverso un procedimento chiamato "crush". In particolare in ogni frame da elaborare si è intensificato il nero dell'immagine, aumentando la saturazione dei colori per modificarne il contrasto. Il risultato è stato davvero sorprendente: ha donato il giusto tratto epico alla pellicola, accentuando la vigorosità dei personaggi sugli sfondi. Tutto il colore è stato gestito con il sistema Truelight.


La caratteristica colorazione della pellicola

Non siamo invece per niente soddisfatti della qualità video della pellicola proiettata. Per tutta la visione del film un deciso rumore video ha distratto più una volta il nostro sguardo, rovinando in parte l'ottimo lavoro analizzato nelle pagine precedenti. In più segnaliamo diverse bruciature alle alte luci. Attendiamo ansiosamente l'uscita home video, per verificarne la qualità e capire, in questa analisi negativa, quanto peso hanno avuto il crush, la qualità della pellicola e quella della proiezione alla quale abbiamo assistito.

Decisamente migliore la qualità audio, che ha deliziato il nostro udito come in poche altre occasioni. Un missaggio decisamente superlativo ci ha impressionato positivamente, riuscendo ad essere precisamente caotico nelle scene di battaglia e altrettanto ben distribuito - colonna sonora spesso assegnata ai canali posteriori - anche nei momenti più tranquilli. Degno di nota anche il potente canale LFE.