Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

300

di Alessio Tambone , pubblicato il 28 Marzo 2007 nel canale CINEMA

“Campione di incassi in America, 300 arriva anche in Italia distribuito da Warner Bros. Un grande film costruito sull'omonima graphic novel realizzata nel 1998 da Frank Miller, diretto dal regista Zack Snyder e seguito da polemiche scatenate in Iran . Ecco il giudizio di AV Magazine”

Frank Miller e il contesto storico

Quella degli spartani è una delle civiltà più enigmatiche e crudeli - e per questo estremamente affascinanti - della nostra storia. Cresciuti con una rigida educazione militare, i bambini erano abituati sin da piccoli a non indietreggiare e non avere paura del nemico, pensando alla grandezza della polis Sparta come unico punto fermo della loro cultura. Gli spartani sono stati studiati da molti e hanno catturato diversi amanti della storia, tra cui anche il genio Frank Miller, autore dell'omonimo romanzo grafico al quale la pellicola si ispira. Una passione quella di Miller nata nella sua infanzia dopo la visione del film L'eroe di Sparta del 1962.


La copertina della graphic novel 300, illustrata da Frank Miller e Lynn Varley

"Mi colpì moltissimo e mi insegnò che gli eroi non sempre alla fine si guadagnano una medaglia, ma sono persone che fanno quello che è giusto perché 'è' giusto, anche se è necessario l'estremo sacrificio" dice Miller. "Ho sempre desiderato raccontare questa storia perché è la migliore in cui mi sia mai imbattuto. E, quando sono diventato un cartoonist, ho potuto finalmente farlo".

Il risultato è stata una stupenda graphic novel distribuita da Dark Horse Comics in cinque uscite nel 1998, assegnando ad ogni puntata un titolo: Onore, Dovere, Gloria, Combattimento e Vittoria. 300 di Frank Miller vinse nel 1999 tre Eisner Awards, premi assegnati per meriti artistici nel campo dei "fumetti", come Miglior serie limitata, Migliore scrittore/artista e Miglior colorazione (premio assegnato al collaboratore Lynn Varley). Nello stesso anno il romanzo fu pubblicato in un'unica uscita. Un grande lavoro quello di Miller, realizzato con tecniche simili a quelle apprezzate per Sin City e The Dark Knight Returns, altri suoi capolavori grafici leggendari.