Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Firenze e gli Uffizi 3D/4K

di Alessio Tambone , pubblicato il 04 Novembre 2015 nel canale CINEMA

“Dopo il successo di Musei Vaticani 3D, un'altra produzione Sky a servizio dell'arte. Un viaggio nella capitale del Rinascimento tra opere di Botticelli, Leonardo, Vasari e Michelangelo”

Le opere d’arte

Anche in questo documentario la produzione ha deciso di guardare in profondità le opere pittoriche ricorrendo alle riuscite tecniche di modeling e dimensionalizzazione, già sperimentate in passato, su un totale di 27 grandi classici dell’arte rinascimentale fiorentina. Santa Maria del Fiore vi partecipa non con il Giudizio Universale di Vasari e Zuccari, ma con le splendide vetrate magnificamente scomposte, proposte sul grande schermo in un modo unico e irripetibile (es. L’Incoronazione della Vergine di Donatello).

Tralasciando la Pala Strozzi (l’Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano), troppo esasperata alla ricerca dei diversi piani di profondità, la seconda parte del documentario è un susseguirsi di capolavori che rivivono in una profondità decisamente innaturale ma non per questo meno interessante.

Non vorremmo trascinarvi nella lettura di un mero elenco delle opere, ma è impossibile non segnalare l’effetto stereoscopico che ha il il dittico dei Duchi di Urbino di Piero della Francesca, l’intrigante Venere di Urbino di Tiziano, la dolcezza della Madonna del Cardellino di Raffaello; il Tondo Doni di Michelangelo dalle pose innaturali o l’Annunciazione di Leonardo.


- click per ingrandire -

Per arrivare ai celebri capolavori di Sandro Botticelli: Calunnia, Primavera e Nascita di Venere, tempere su tavola analizzate in ogni dettaglio attraverso un’argomentazione precisa e mai fastidiosa.

A parte segnaliamo Giuditta che decapita Oloferne di Artemisia Gentileschi e lo Scudo con testa di Medusa di Caravaggio, due opere forti, quasi macabre, presentate con un eccellente suddivisione dei piani e un riuscito montaggio che identifica due delle sequenze più riuscite dell’intero progetto.

Dopo la grande meraviglia delle opere raccontate, manca però la degna conclusione: il David di Michelangelo nella Galleria dell’Accademia non risalta. Una scultura proposta sullo schermo in maniera non esaltante, con un gioco di luci e ombre in continuo movimento e una mancanza di primi e primissimi piani che avrebbe fatto la differenza (pensiamo al Laoconte proposto nei Musei Vaticani 3D).


- click per ingrandire -

Le riprese hanno sicuramente il merito di mostrare la maestosa scultura con prospettive - e altezze - inedite per il visitatore comune: per l’occasione infatti la troupe ha utilizzato un braccio pneumatico di 15 metri per permettere allo spettatore di guardare il David direttamente negli occhi. Impresa impossibile dal vivo. La sequenza è però ripetitiva, priva di spunti davvero ricercati e accattivanti se non per pochissimi particolari (es. le vene).

In conclusione Firenze e gli Uffici 3D/4K è uno straordinario viaggio artistico, ben realizzato dal punto di vista tecnico per quasi tutta la durata, con una ottima colonna sonora che è parte integrante della scansione temporale e narrativa del documentario. Consigliamo quindi la visione appena possibile. Immaginiamo che il documentario, in programmazione nei cinema fino al 5 novembre seguirà lo stesso percorso distributivo del precedente Musei Vaticani 3D.

Al progetto però manca decisamente qualcosa.

 

Articoli correlati

Tutti al cinema: novembre

Tutti al cinema: novembre

Suggerimenti e calendario completo per le uscite nei cinema italiani nel mese di novembre. Una rubrica di AV Magazine per essere sempre aggiornati su quello che succede all'interno dei cinema italiani, con info sul film e trailer. A voi la scelta!
Musei Vaticani 3D

Musei Vaticani 3D

Il documentario prodotto da Sky 3D e Sky Arte HD, con la collaborazione della Direzione dei Musei Vaticani, approda nei cinema per un solo giorno. Ecco il nostro giudizio, impreziosito da un'esclusiva intervista a Cosetta Lagani (direttore Sky 3D) ed Emiliano Martorana (produttore esecutivo)



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Aenor pubblicato il 05 Novembre 2015, 11:27
Premetto che non sono riuscito ad andare a vederlo per motivi di tempo (3 gg sono pochi cavolo!) e quindi aspetterò con ansia la distribuzione BR, cos'è che manca al progetto secondo te Alessio? Qual è / quali sono quegli elementi chiave per te mancanti? Fai riferimento ai problemi che evidenzi durante le inquadrature su Firenze e Lorenzo il Magnifico o c'è altro?

Grazie, un saluto !

A
Commento # 2 di: campus pubblicato il 06 Novembre 2015, 09:17
la scritta 3D/4k significa che ogni singolo cinema può scegliere se proiettarlo in 3D oppure in 4K: giusto? (così mi hanno detto presso un cinema)
Non esiste per il cinema lo standard 3D E 4K (come è per l'UHD per bluray) giusto?
Commento # 3 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 06 Novembre 2015, 09:51
Esatto. Il 3D viene distribuito (e proiettato) solo in 2K.

Emidio