Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Canon Eos 1D X

di Emanuele Costanzo , pubblicato il 22 Ottobre 2012 nel canale AVPRO

“X, come decima generazione di reflex professionali a partire dalla F1 degli anni Settanta o come incrocio, fusione di due famiglie in un’unica fotocamera per tutti i professionisti legati al marchio Canon. Eos-1D X: è davvero la reflex “unica”? ”

Analisi del rumore e sintesi

In questo duello alle alte sensibilità, inedito per forma sulle nostre pagine, confrontiamo Eos-1D X ed Eos 5D Mark III sui tre colori primari, incolonnando JPG con NR Off e NR Standard seguiti dai RAW. Abbiamo omesso le sensibilità comprese tra 200 e 1600 ISO per sostanziale irrilevanza delle differenze, mentre pubblichiamo i 100 ISO per riferimento (la Eos 5D Mark III non arriva a 204800 ISO). Si noti che tutti i dettagli tratti dai file RAW sono stati sviluppati con ACR applicando fattori crescenti di riduzione del rumore di luminanza e crominanza. Vanno trascurate le minime variazioni di esposizione, mentre sottolineiamo la differente resa cromatica dei RAW sviluppati in ACR rispetto ai JPG.


- click per ingrandire -

Ciò premesso, al cospetto della pur ottima Eos 5D Mark III, la nuova ammiraglia Canon dimostra di avere il miglior rapporto segnale/disturbo tra le reflex finora da noi provate (urge confronto con Nikon D4…). Il rosso, con tutta evidenza il canale più critico per la 5D, crea meno problemi alla 1D X mentre il verde, per la cui interpolazione le reflex dispongono di un numero doppio di pixel (data la matrice RGBG dei sensori) è quello più pulito in entrambi i casi. In sintesi possiamo dire che che se la Eos 5D Mark III regge in JPG fino a 25600 e in RAW fino a 51200, la Eos-1D X offre almeno 1EV di guadagno in ogni frangente.

Nel numero di ottobre in edicola, troverete il confronto ad alta sensibilità anche con i toni di grigio più scuri e scatti a mire test per l'analisi della risoluzione (come quelle qui in alto), sempre a confronto con la Canon 5D Mark III. Nello stesso articolo troverete anche tutte  le nostre valutazioni sulla qualità delle immagini che vi invitiamo a consultare.

Nonostante le dichiarazioni di Canon, che vuole individuare nella Eos-1D X la reflex unica in grado di soddisfare sia i fotografi sportivi sia i paesaggisti, questa avrà prima o poi una sorella con sensore ad altissima densità e velocità operativa meno esasperata. Appare infatti difficile immaginare che il primato di risoluzione venga lasciato alla Eos 5D Mark III e soprattutto che non giunga una risposta al sensore full frame da 36 megapixel di cui abbiamo apprezzato le potenzialità nelle due Nikon D800 e D800E.

Previsioni a parte, riteniamo la Eos-1D X una reflex dalla qualità d’immagine eccezionale soprattutto alle alte sensibilità, una caratteristica che unita ai pregi della meccanica, all’affidabilità di esposimetro e autofocus, alla velocità operativa, all’autonomia e alla flessibilità dell’insieme, confeziona, con ogni probabilità, il miglior strumento fotografico professionale mai proposto da Canon.

Per maggiori informazioni: fotocult.it - facebook.com/Fotocult - flickr.com

 

 

Articoli correlati

2012: l'invasione delle full-frame

2012: l'invasione delle full-frame

Le camere full-frame, presentate in questi giorni, hanno funzioni video avanzate e tante differenze tra i vari prodotti, anche per quelli con lo stesso sensore. In questo articolo analizziamo tutti i nuovi prodotti presentati a Photokina, in attesa di pubblicare test comparativi, completi di nuove e innovative misure video



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: davidthegray pubblicato il 20 Novembre 2012, 09:20
Tassazione?

Mi incuriosisce la faccenda dei 29 minuti di video. Ho una 5D3 che ha lo stesso problema: la registrazione video si arresta dopo mezz'ora (senza purtroppo ripartire in automatico). Pensavo fosse dovuto a limitazioni del file system FAT, invece è dovuto alla solita idiozia dei nostri euroburocrati?

Sarei curioso di conoscere più dettagli su questa cosa.