Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

2012: l'invasione delle full-frame

di Emidio Frattaroli , Ermanno di Nicola , pubblicato il 19 Settembre 2012 nel canale AVPRO

“Le camere full-frame, presentate in questi giorni, hanno funzioni video avanzate e tante differenze tra i vari prodotti, anche per quelli con lo stesso sensore. In questo articolo analizziamo tutti i nuovi prodotti presentati a Photokina, in attesa di pubblicare test comparativi, completi di nuove e innovative misure video”

Nikon D600

La Nikon, in anticipo su Canon di qualche giorno, ha presentato la nuova full-frame D600, che sembra utilizzare lo stesso sensore CMOS prodotto da Sony e inserito nella nuova A99 e anche in altri due prodotti, anche se in Nikon insistono nel dire che il sensore venga prodotto secondo specifiche Nikon. Anche qui il confronto con la D800 è d'obbligo. Le modifiche sono tutte rivolte ad un risparmio sui componenti solo per abbassare il prezzo e quasi tutte nella stessa direzione che ha preso Canon con la 6D sulla 5D MarkIII.

Anche per la D600 si è risparmiato sul corpo che non è più tutto in magnesio, con peso complessivo di circa 760g, batteria inclusa. Il sensore ha una risoluzione netta di 24.3 megapixel, contro 36.3 mega della D800. Anche l'otturatore è stato modificato, più lento e meno longevo rispetto alla D800: nella D600 arriva solo a 1/4000 con 150.000 garantiti rispetto ai 200.000 della D800. Buone notizie per la messa a fuoco: sono "soltanto" 39 punti, contro i 51 della D800. Infine, anche per la D600 è disponibile un'uscita video HDMI (4:2:2) "pulita", per recoder video HD esterni.

Ricordiamo inoltre che il display, con diagonale di 3,2", ha una risoluzione complessiva di 921.000 punti, è fisso ma ha un angolo di visione di 170°. Il parco connessioni è particolarmente ricco. Come già anticipato, è presente un'uscita HDMI "type C" con flusso video non compresso. C'è anche l'ingresso per un microfono esterno e anche un'uscita per auricolari, ottime per il controllo in tempo reale del livello di registrazione. La D600 ha un doppio slot per schede SD, che può essere usato in varie modalità.

I formati di registrazione video HD sono quelli classici e tutti a scansione progressiva 1920x1080 con frequenza di 23,976 Hz, 25 Hz e 29,97 Hz. Per frequenze superiori c'è il 1280x720p, con frequenze a partire da 25p per arrivare fino a 60p (59,94 Hz). Attraverso l'uscita HDMI dovrebbe essere consegnato un flusso a scansione interlacciata, 50i oppure 60i, da de-interlacciare facilmente dopo l'acquisizione. L'audio viene registrato in PCM lineare; il bitrate video in formato H.264 dovrebbe essere lo stesso della D800, quindi 24 Mbps.

In generale, sulla carta le due Nikon D600 e D800 hanno caratteristiche migliori rispetto a Canon. Più risoluzione, più punti di messa a fuoco, con l'otturatore che dovrebbe durare più a lungo e uscita HDMI "pulita" per registratori esterni. In casa Nikon non hanno risparmiato sul mirino ottico e sul display LCD. Mancano invece GPS e WiFi. Per Quanto riguarda il comparto video, anche la Nikon lascia tutte le caratteristiche della sorella maggiore, con la possibilità di utilizzare solo la parte del sensore APS-C con la funzione DX.

Segue : Sony SLT-A99 Pagina successiva