Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sony HDR-HC1

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 20 Giugno 2005 nel canale AVPRO

“A poche settimane dall'annuncio fatto negli Stati Uniti, da Sony arriva una a nuova splendida notizia: la nuova videocamera HDR-HC1 in alta definizione per il mercato consumer sarà disponibile tra pochi giorni anche per il mercato italiano.”

Le prime videocamere HDV

La prima videocamera HDV disponibile in assoluto è stata introdotta da JVC già lo scorso anno. Si tratta di un interessante modello a singolo chip con CFA (Color Filter Array) rivoluzionario e con risoluzione di circa 1280x960 punti. La videocamera è in grado di registrare immagini a risoluzione HD di 1280x720 punti con 60 fotogrammi al secondo a scansione progressiva. Peccato sia disponibile solo per i mercati extraeuropei.

Il modello introdotto nel vecchio continente è in grado di acquisire immagini solo a risoluzione standard oppure - al massimo - a scansione progressiva: un prodotto talmente inutile al confronto con il modello originale da porre seri dubbi sull'intelligenza delle strategie di marketing del colosso giapponese per il vecchio continente. Una "filosofia" che ha fatto arrabbiare più di un appassionato.

Per la gioia degli appassionati videomaker che anelano l'alta definizione, dallo scorso anno Sony ha introdotto in Europa il modello HDR-FX1, la prima videocamera HDV che registra in alta definizione a 1080 linee a scansione interlacciata, dotata di tre sensori CCD e parecchie funzionalità da vero attrezzo per professionisti.

Il modello HDR-FX1 è affiancato da altre due ulteriori versioni leggermente modificate; il modello HVR-Z1U è dedicato al settore professionale mentre il recente modello Qualia 002 va ad arricchire la linea di prodotti dedicata al mercato High End senza compromessi. 

La risoluzione delle immagini acquisite dalla nuova videocamera Sony non è in realtà di 1920x1080 punti per fotogramma. La risoluzione reale è di 1440x1080 punti  in formato anamorfico che, in riproduzione, vengono riscalati in senso orizzontale fino ad arrivare alla risoluzione di 1920x1080 punti.