Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Spatz HDMIFIX 1.3: il risolutore!

di Alberto Pilot , pubblicato il 27 Novembre 2008 nel canale AVPRO

“Dalla tedesca Spatz arriva un EDID simulator HDMI 1.3 con ben 11 EDID programmabili che permette di risolvere eventuali problemi di comunicazione tra sorgente e display: un accessorio indispensabile per i professionisti ma che potrebbe tornare molto utile anche in ambito domestico”

La prova d’uso

Per verificare la bontà di quest’accessorio, abbiamo utilizzato una catena video buon livello, per capire se anche con questo tipo di elettroniche il problema potesse essere presente:

sorgenti: Sony PS3, decoder MySkyHD (Pace), Toshiba EP-30 (HD-DVD), HTPC Sony Vaio;
processore video: Anthem Statement D2 con Gennum GF9350 VXP integrato;
display: Avielo Optix by ProjectionDesign (DLP 1080p doppia lampada).

Il tuttoè stato comandato tramite un gateway AMX misto (IR, LAN ed RS232). Successivamente come secondo display è stato utilizzato un Samsung LCD HD-Ready (1366 x 768) ed è stato aggiunto anche uno splitter HDMI 1x2 della Alpha Elettronica, per rimandare l’uscita del Vaio direttamente sul suo monitor, quando non serve visualizzare il desktop tramite il proiettore.

Diciamo subito che con così tante elettroniche collegate in HDMI qualche sospetto di “incompatibilità” lo abbiamo avuto sin da subito. Eppure, trovarne l’inequivocabile conferma è stato comunque fastidioso. La PS3 era settata per uscire direttamente in 1080/24p con i BD e 1080p@50Hz con i DVD. I video giochi alla massima risoluzione possibile dal software. Il decoder MySky HD era lasciato su “originale”, quindi 576p con materiale SD e 1080i con materiale HD. Il lettore Toshiba è stato impostato in 1080i con gli HD-DVD ed in 576p con i DVD Il Sony Vaio è stato impostato alla massima risoluzione possibile, ossia 1080i con la scheda video on board.

Il risultato senza HDMIFIX

L’EDID che “comandava” (ossia che era vista come dominante dalle altre) era quella all’interno del D2, che essendo HDTV compliant cercava di settare il tutto ad un 1080p@50Hz di default verso il proiettore. Il Gennum all’interno dell’Anthem riceveva i vari segnali diversi (come indicato dal display del D2) e li “trattava” per trasformarli appunto in Full HD 50p, tranne i segnali a 24p dei BD che venivano spediti al proiettore senza nessuna ulteriore trasformazione, grazie ai diversi “layer video” del processore. Il decoder di Sky non sempre riusciva a mandare il segnale correttamente a video, tanto che nel display del processore compariva la scritta “HDMI Muted : Need HDCP monitor” e sullo schermo un laconico nero. Ovvio che il proiettore è assolutamente HDCP compliant, dato che è l’ultima serie nata in casa Projection Design.

Collegato il decoder direttamente all’Avielo Optix, nessun problema, sebbene i soliti micro ritardi a causa dello "zapping" nel passaggio dai canali SD a quelli HD, proprio a causa dell’handshake. A questo punto il problema poteva sembrar risiedere all’interno dell’Anthem, anche se poi alla prova incrociata (collegato il display Samsun) il problema si presentava ugualmente. La cosa veramente incomprensibile è che la manifestazione di questo fenomeno non era costante, ma si presentava solo dopo qualche tentativo di commutazione della sorgente (alla fine la Projection Design ha posto fine al problema con un tempestivo aggiornamento firmware del loro proiettore, anche se i sospetti rimangono decisamente puntati sul decoder, dato che abbiamo segnalazione da parte di altri Customer Installer che hanno incontrato lo stesso tipo di malfunzionamento con altre catene video).

 Il computer Sony impostava l’uscita del secondo display in automatico a 1080i@50Hz (come correttamente sottolineato dall’EDID della scheda video che riconosceva il D2), ma col problema che il processore grafico montato sulla piastra madre non gestiva questa mole doppia di dati, per cui a monitor il segnale che arrivava era un improbabile interlacciato a risoluzione strana, che generava un’immagine assolutamente non accettabile, mentre sul proiettore il desktop era perfetto (la soluzione sarebbe stata in seguito aggiungere una scheda video recente nel VAIO). Scollegato il proiettore Avielo e collegato il Samsung, il D2 non riconosceva automaticamente il display come un 768p (quindi l’EDID della TV LCD non era compilata correttamente), ma impostato il layer video di conseguenza, non c’è stato nessun problema di visualizzazione, tranne quelli già citati che sono rimasti, essendo proprio l’Anthem il “nodo primario” delle elettroniche a monte.

Il risultato dopo l'introduzione di HDMIFIX

A questo punto abbiamo provato ad inserire l’HDMIFIX fra il decoder Sky ed il processore video, selezionando come EDID la numero 08 dei factory presets (dal manuale 1920x1080p/50) come riportato anche nella serigrafia del processore stesso. Il problema si è risolto, ed il “sistema” continuava a vedere sempre un segnale corretto, sebbene il D2 processasse le diverse risoluzioni in ingresso come testimoniato dal pannello frontale. In pratica il segnale HDCP passava senza problemi proprio perché l’EDID ingannava il D2 e di conseguenza l’Optix con un valore “stabile” per lui e presente nella lista dei modi. Ingannare il VAIO ha reso necessario impostare la EDID numero 36 (1364x768/75) della lista dei preset non HDTV ed inserire lo scatolino fra il computer ed il cavo che entrava nello splitter Alpha. In questo modo è stato possibile impostare questo valore anche verso il monitor dell’HTPC, che quindi restituiva un’immagine perfetta a schermo. Nessun problema per il proiettore, dato che il D2 riportava il 768p@75Hz in ingresso ad un più “consono” 1080p@50Hz.

Segue : Conclusioni Pagina successiva