Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Microfono Razer Seiren Pro

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 26 Ottobre 2015 nel canale AVPRO

“Il Seiren Pro è un microfono tuttofare con caratteristiche professionali, con uscita USB e campionamento 24/192, collegamento XLR stereo con alimentazione phantom, uscita cuffia ad alta potenza, display OLED, e ben quattro differenti diagrammi polari, compreso quello stereofonico”

Test, conclusioni e pagella


Shock-mount e pop-filter del Seiren Pro
- click per ingrandire -

Il Seiren Pro ha dimensioni importanti, costruzione decisamente robusta e una base con massa adeguata ad avere un'ottima stabilità. Al di sotto della base, c'è un pad di spugna che però non è sufficiente a disaccoppiarlo dalla superficie su cui viene appoggiato. Per questo motivo, l'acquisto del supporto "antiurto" (shock-mount) è vivamente consigliato e permette l'innesto in verticale nelle due direzioni. Molto utile anche il pop-filter; secondo me, l'accessorio originale Razer ha un costo un po' troppo elevato: in questo caso il consiglio è di rivolgersi ad accessori compatibili, dal costo decisamente inferiore (circa 10 Euro su amazon e anche meno). Una volta connesso al computer, il Seiren si comporta come una vera e propria scheda audio, visto che l'uscita cuffie - con qualità molto elevata - riproduce ogni suono del computer.


Schema della posizione delle capsule: a sinistra proiezione dall'alto; a destra proiezione frontale.

Le capsule microfoniche sono tre e sono disposte in maniera particolare: Più indietro c'è una capsula in posizione planare rispetto al piano frontale e al piccolo display OLED. Più avanti ci sono invece due capsule, una sopra l'altra, orientate a 45 gradi rispetto alla capsula posteriore e ortogonali tra di loro. Grazie ad un DSP inserito direttamente nell'elettronica del microfono, è possibile utilizzare ben 4 diagrammi polari: omnidirezionale, cardioide, bidirezionale e stereo e tutti selezionabili direttamente sul microfono attraverso il selettore posteriore superiore. Sul microfono non ci sono riferimenti su quali siano le "direzioni" dei tre diagrammi polari. Viene da sé che il diagramma cardioide è rivolto davanti, in direzione del display, quello bidirezionale si estende anche posteriormente e quello stereo in direzione trasversale, secondo i riferimenti che ho inserito qui in basso.

Il diagramma omnidirezionale si è rivelato molto ampio, sia nel piano orizzontale che verticale con un aumento della sensibilità rispetto a tutti gli altri diagrammi polari. Molto interessante anche la ripresa stereofonica, sopratutto dal punto di vista timbrico, con una discreta profondità della scena e con buona evidenza dei segnali di ambienza. La sensazione è che all'interno del microfono la ripresa stereo venga effettuata con il sistema MS (Mid-Side), ovvero con una combinazione tra figura cardioide e una seconda con le due capsule in configurazione bi-direzionale ma con diversa combinazione della fase. In questa modalità c'è una leggera e piacevole evidenza delle frequenze con spettro più elevato ma il risultato generale, benché apprezzabile, non può competere per versatilità e precisione della scena con microfoni dedicati e configurazioni discrete X/Y oppure MS.. 


L'interno con l'elettronica del Seiren e il massiccio telaio in alluminio
- click per ingrandire -

La ripresa microfonica in modalità cardioide sarà probabilmente la più utilizzata ed è anche quella che ho testato più a fondo, comparando il Siren con un microfono Audio Technica, anche questo di tipo "side-address", con diagramma cardioide: il modello AT2035 che utilizzo abitualmente e che ha un costo di circa 250 Euro, IVA inclusa. Il diagramma del Siren è piuttosto ampio rispetto all'AT2035 con un taglio generoso più che altro dai suoni che arrivano posteriormente. Selezionando invece la modalità bidirezionale, è come avere due diagrammi cardioide identici, con diagrammi polari che sembrano leggermente più stretti rispetto a quello singolo cardioide: oltre a quello anteriore ce n'è un altro anche posteriormente, con le stesse prestazioni. La timbrica è molto equilibrata, con basse frequenze ben presenti, esaltate dall'effetto di prossimità, ma che possono essere controllate attivando l'utile filtro passa alto.

  
Il display OLED del Seiren Pro
- click per ingrandire -

Durante il funzionamento, sembra che tutto sia a portata di mano, o quasi. Il controllo del volume della cuffia è davanti, rivolto verso di noi. Il display invece è un po' troppo incassato all'interno del telaio e non sempre è visibile se ci si avvicina molto al microfono, senza parlare del filtro anti-pop che finisce per coprirlo completamente. In posizione posteriore ci sono due manopole, quella per la selezione del diagramma polare è sopra mentre quella del controllo del guadagno è più in basso; ebbene, io le avrei invertite, in modo da mettere quella più utilizzata in posizione un po' più comoda. C'è anche da dire che dopo pochi minuti si acquista una notevole familiarità con i controlli e in effetti la posizione delle due manopole posteriori non è più un problema. 


- click per ingrandire -

Menzione particolare per l'uscita cuffie, inserita direttamente sul microfono: è notevole sia per potenza che per qualità della riproduzione audio ed è un ottimo monitor senza alcun tipo di ritardo. Per conlcudere ho testato anche le uscite XLR, utilizzando un registratore Tascam DR40, pensando di poter effettuare delle riprese sul campo soltanto con il Seiren e con un power-bank per alimentare il microfono che si è rivelato superfluo: al Seiren bastano i 48 volt dell'alimentazione phantom e tutto funziona a meraviglia, tranne l'uscita cuffie, con il display che indica il funzionamento XLR. In conclusione, oltre alle dimensioni molto generose, i difetti del Seiren finiscono qui mentre i lati positivi sono tantissimi, ad iniziare dal rapporto qualità prezzo che è molto elevato, esattamente come la versatilità, con quasi tutti i diagrammi polari inseriti in un solo microfono e un'uscita cuffie molto potente, capace di pilotare cuffie con impedenza elevata.

Per maggiori informazioni: www.razerzone.com/it-it/gaming-audio/razer-seiren-pro

La pagella secondo la redazione di AV Magazine: voto medio 8,5

Costruzione 8,5
Versatilità 8,5
Qualità audio 7,5
Rapporto Q/P 9,5

 

 



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Rolen pubblicato il 01 Novembre 2015, 16:21
dinamica

Salve, userei tale microfono (o simile se me ne puoi consigliare uno diverso) per registrare eventi di musica classica e nello specifico piccole formazioni da camera di archi, piazzando il microfono sul palcoscenico, in combinazione con un vecchio ZOOM H4.
Quello che vorrei sapere e' quanto e' fedele la resa timbrica proprio con gli archi e soprattutto se riesce a restituire una buona resa dinamica senza mangiarsi come fanno le soluzioni piu economiche (tipo lo ZOOM H4 da solo) i pianissimi e i piani sonori intermedi al fortissimo.
Grazie
Rocco
Commento # 2 di: Andrea Mannori pubblicato il 06 Agosto 2016, 21:00
[FONT=arial narrow]ciao, un mio amico ha comprato questo microfono e ha provato ad usarlo con un amplificatore proel freepass6 che ha prese bilanciate con alimentazione phantom a 48v, ma non sembra funzionare; sul display non si accende niente e se si da volume all'ampli viene uno strano suono, come un ronzio... secondo voi è un problema congenito di impossibilità di accoppiare i due strumenti o un qualche guasto? grazie[/FONT]
Commento # 3 di: Nordata pubblicato il 07 Agosto 2016, 00:40
E' più probabile che ci sia un qualche problema di collegamento.

Certo che leggere i dati relativi alla risposta in frequenza senza alcun riferimento ai dB entro cui la si ottiene per un prodotto pro fa un pochino pensare.

Poichè nella confezione sarà sicuramente stato presente il foglio con la curva di calibrazione individuale si poteva pubblicare quella.
Commento # 4 di: Andrea Mannori pubblicato il 07 Agosto 2016, 11:45
grazie mille, lo faccio presente al mio amico, se c'è questo foglio cercherò di pubblicarlo.
Commento # 5 di: Andrea Mannori pubblicato il 10 Agosto 2016, 16:48
ho chiesto del foglio colle specifiche, ma a quanto pare non esiste niente del genre