Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

DLP XGA Casio XJ-S30

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 29 Gennaio 2007 nel canale AVPRO

“Con il test al videoproiettore Casio XJ-S30, AV Magazine apre le sue pagine ai prodotti per il settore business con un test orientato soprattutto a verificare tutte le caratteristiche fondamentali di uno strumento per presentazioni, senza trascurare gli aspetti più importanti legati alla qualità video ”

La prova sul campo

Il Casio XJ-S30 è stato testato soprattutto come videoproiettore per presentazioni multimediali, connesso ad un paio di computer portatili e impostando l'uscita video alla risoluzione nativa (1024x768 @ 60 Hz). Preparando le proprie presentazioni in Powerpoint et similia, se si ha l'accortezza di scegliere uno sfondo bianco la luminosità del Casio è molto elevata e consente di riempire schermi con diagonale da oltre 100" in locali con luminosità ambientale piuttosto elevata.

Se invece per le proprie presentazioni si scelgono sfondi scuri o colorati, allora la luminosità complessiva sarà nettamente inferiore e paragonabile ad un proiettore con potenza luminosa di circa 700  lumen, comunque pienamente sufficiente per garantire una buona riproduzione delle immagini anche con schermi di dimensione generosa.

L'obiettivo è davvero straordinario poiché riesce a mantenere una messa a fuoco pressoché perfetta in ogni condizione, specialmente quando viene scelta la lunghezza focale più estesa. Lo scaler interno è piuttosto efficiente e si fa apprezzare sia quando si è costretti ad intervenire con la correzione keystone, sia quando si collegano sorgenti a risoluzioni diverse (es. 800x600 oppure 1280x960).

Posizionando il proiettore nelle migliori condizioni, quindi senza utilizzare la correzione keystone e sistemando lo zoom nella posizione intermedia, le immagini del Casio XJ-S30 impressionano per coerenza, dettaglio, contrasto e si fanno apprezzare per anche per la ridotta presenza dell'effetto rainwow, probabilmente grazie ad una ruota colore che gira ad elevata velocità.

I colori sono piuttosto saturi e profondi, a patto che si preferisca al massimo l'impostazione immagine "grafica". Scegliendo le impostazioni "normale" e "presentazione", entra in funzione lo spicchio trasparente della ruota colore e il livello del bianco sale in modo deciso. I colori in questo caso rimangono un po' indietro ma con una risposta pienamente sufficiente per le applicazioni a cui questo proiettore è dedicato.

Tra le funzioni speciali di questo Casio, abbiamo apprezzato moltissimo la funzione di auto-keystone che può essere abilitata dal menu di controllo. Attivando questa funzione, il proiettore analizza l'immagine proiettata ed è in grado di correggere in modo automatico le distorsioni trapezoidali. Altrettanto interessanti sono lo zoom digitale e un puntatore grafico che in alcuni casi può sostituire il puntatore laser.

Segue : Conclusioni Pagina successiva