Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Opera e Unison da HiFi Di Prinzio

di Gian Piero Matarazzo , pubblicato il 19 Dicembre 2016 nel canale AUDIO

“Da Opera Loudspeakers e Unison Research arriva una serie di nuovi prodotti, tra elettroniche e diffusori acustici che sono stati mostrati presso il punto vendita HiFi Di Prinzio a Chieti Scalo: dalle Opera Diva alle nuove Max 2 ad alta efficienza, dalle nuove sorgenti digitali Unico CD Uno e Due ai nuovi ampli Unison Unico Dual Mono”

Unison Unico CD Due


- click per ingrandire -

L’ingresso USB dell’Unico CD Due attraverso un convertitore D/A di ultimissima generazione è in grado di convertire segnali PCM fino a 384 kHz e DSD fino a 11,2896 MHz, in pratica la totalità dei formati e delle frequenze di campionamento disponibili. Gli ingressi digitali sono: coassiale S/PDIF, bilanciato AES/EBU, ottico Toslink e Bluetooth. E’ possibile collegare all’Unico CD Due altre sorgenti digitali esterne (ricevitori satellitari, registratori digitali, mixer digitali, ecc.) tramite i tre ingressi digitali presenti sul pannello. Tali ingressi accettano segnali fino a 192kHz e 24 bit (96kHz e 24 bit per l’ingresso ottico).

Gli ingressi coassiale e bilanciato consentono di trasferire segnali DSD64 codificati DoP. La meccanica di lettura è per uso audio con un elegante cassetto “slim”: permette di leggere solamente CD audio. La meccanica è racchiusa e schermata attraverso uno spesso coperchio metallico. Le uscite digitali del CD Due comprendono: coassiale S/PDIF, bilanciata AES/EBU e ottica Toslink. Su tutte le uscite è presente il segnale digitale della sorgente in riproduzione.


- click per ingrandire -

Il Cd Due è stato pensato in modo da separare la sezione digitale da quella analogica, la sezione DAC contiene ben 11 alimentazioni stabilizzate per garantire una alimentazione distinta e pulita ad ogni dispositivo della scheda. Le alimentazioni più sensibili sono ottenute ponendo più stabilizzatori in cascata: il primo stabilizza l’alimentazione filtrata, il secondo, a tensione inferiore, stabilizza e rimuove ogni eventuale residuo di rumore. Tutto questo dispiego di alimentazioni è necessario per metter il DAC nelle migliori condizioni di lavoro e permettere le massime prestazioni del Chip.

I convertitori corrente-tensione (AD8597/AD8599) sono a del tipo “ultralow distortion” e “ultralow noise”, caratteristiche mantenute anche grazie anche all’utilizzo di componentistica di pregio, con condensatori Wima e resistenze Vishay. Il DAC utilizzato è lo stesso del CD Uno, così come è previsto anche in questo caso lo stadio di uscita in classe A a valvole e componenti discreti. In un breve ascolto comparativo, per quanto possa valere la sola impressione rapida, a me è sembrato leggermente più prestante del CD Uno in termini di precisione e dinamica.