Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Time lapse video in 2K e 4K

di Ermanno di Nicola , pubblicato il 28 Febbraio 2012 nel canale 4K

“Il Time Lapse è una tecnica piuttosto semplice che consente di realizzare video spettacolari, mettendo in sequenza immagini scattate a risoluzioni molto elevate. Nell'articolo, oltre alla produzione vera e propria delle immagini, viene affrontata la post produzione e il rendering fino a risoluzione 4K”

Editing, export finale e conclusioni

Editing con Premiere, export finale e conclusioni

Le immagini già elaborate e suddivise nelle varie cartelle sono pronte per il passaggio finale: il montaggio con Premiere che ci permette di dare il giusto ritmo al filmato, inserire dissolvenze e titoli. Questo ultimo passo è molto importante poiché un montaggio fatto con incertezza e con ritmo troppo lento corre il rischio di compromettere il risultato finale. Non abbiate rimorsi se a causa del montaggio dovrete rinunciare a buona parte degli scatti. Da Premiere è possibile selezionare un export direttamente in uno dei formati compressi o non compressi attraverso AdobeMedia Encoder.

In questa fase consigliamo di selezionare ancora una volta un formato senza compressione oppure con compressione minima, posticipando poi la compressione vera e propria in un secondo momento, magari con software dedicati proprio per questo tipo di operazione e che possono sfruttare meglio la potenza di calcolo delle CPU. Approfondiremo l'argomento della compressione con un articolo dedicato. Nel nostro caso, abbiamo preferito renderizzare direttamente una sequenza di fotogrammi in formato DPX con profondità di 10 bit per componente cromatica.

Il filmato in time lapse che abbiamo realizzato lo scorso Novembre 2011 lo abbiamo prodotto per il Roadshow con Sony Professional, per la presentazione del nuovo videoproiettore Sony VPL-VW1000ES. Il montaggio finale è di 2 minuti e 57 secondi, al netto di una piccola sigla iniziale e i cartelli di coda. Il filmato è attualmente disponibile su Youtube a risoluzione full HD e con compressione H.264. La versione in DPX 4K a 10 bit (più di 100 GB) sarà disponibile prima o poi in download anche se sarà più facile averla in uno degli eventi in cui saremo presenti.

Prossimamente metteremo su Youtube anche la versione a risoluzione 4K. Ecco infatti il link alla sigla iniziale con la massima risoluzione:  www.youtube.com/watch?v=lPClk-G93Ig pari a 3840x2160 punti per fotogramma. Per selezionare la versione alla massima risoluzione (3840x2160), dovrete selezionare la voce "originale" nel menu a tendina per la selezione della risoluzione, attivabile cliccando sull'icona in basso a destra, indicata dalla freccia rossa. Se tale voce non fosse presente, provate a ricaricare la pagina. Oppure riprovate con un browser differente. Per poter osservare filmati 4K su Youtube a risoluzione nativa, sarà indispensabile anche una scheda video adeguata oltre che un display o un proiettore con la stessa risoluzione nativa. Vi terremo aggiornati sulla disponibilità in download del filmato 4K e su come richiedere gratuitamente una copia in DCP 4K per sale cinematografiche.

 



Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: fabio3 pubblicato il 29 Febbraio 2012, 10:07
Bellissime immagini, complimenti.

Non capisco il significato di questa tecnica su oggetti fissi come le foglie.

Io mi sono sbizzarrito a fare una sequenza di time lapse sui grattaceli di New York nel passaggio dalla notte all'alba e fa il suo porco effetto. Purtroppo con una Dimage 7 non è che potessi fare più di tanto. Il tempo minimo era di 1 minuto tra scatto e scatto. troppo lungo. Il tempo giusto era sui 15 secondi.

Visto che adesso ho una Canon posso chiedere che modello di timer programmabile avete usato?

Ciao
Commento # 2 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 29 Febbraio 2012, 10:32
Originariamente inviato da: fabio3;3438088
... Non capisco il significato di questa tecnica su oggetti fissi come le foglie....[CUT]
Semplice: questo time lapse, è stato prodotto con un obiettivo molto preciso che non è quello della spettacolarizzazione. Si tratta di immagini test per evidenziare alcuni parametri dei display e videoproiettori. L'inquadratura sulla foglia è stata costruita attorno alla necessità di avere una profondità di campo ridotta, in modo che il giusto mix tra sfocato e a fuoco desse indicazioni sia su dettaglio e risoluzione, sia sulla ricchezza delle sfumature. Inoltre in quella inquadratura abbiamo molte informazioni sulla riproduzione dei colori caldi, tra il rosso e il giallo... Insomma, il motivo è legato alla finalità di quel particolare video. Lo stesso dicasi dell'edicola che, in timelapse non è che sia poi così affascinante. D'altra parte, grazie a quella inquadratura abbiamo riferimenti eccellenti per avere indicazioni sulla capacità risolutive di un proiettore. Uno dei particolari che guardo è la scritta il lanciarazzi di Scooby-doo sulla rivista in basso a sinistra

I timer remote erano due. Il Canon TC-80N3 ha il timer programmabile con intervalli minimi di un solo secondo. Esistono anche prodotti compatibili, alcuni anche con più funzioni e con prezzi inferiori ma attenzione al tipo di interfaccia: per le Canon le prese sul corpo macchina sono differenti per cui è sempre bene prestae molta attenzione a verificare che il controllo remoto che si acquista sia compatibile. Per la 60D in alcune scene (es. quella dell'alba, piazza e corso principale) abbiamo utilizzato un comando di scatto a filo senza timer, cercando di sincronizzare la pressione con un riferimento ottico (il cronometro di un cellulare). Aggiungo che per la Canon 60D esiste un firmware non ufficiale che aggiunge il timer remote direttamente nel menu della fotocamera.

Emidio
Commento # 3 di: giovideo pubblicato il 29 Febbraio 2012, 17:44
Complimenti avete fatto un buon lavoro.
Non ci sono immagini 4k in giro? Si creano.
Commento # 4 di: twist1990 pubblicato il 29 Febbraio 2012, 18:11
ottimo lavoro, complimenti!!

vorrei chiedervi una cosa:
per mac c'è un'alternativa valida a LrTimelapse (mi sembra che non esiste per os-x)?

lightroom già lo uso e per montare le foto ho sia quicktime sia final cut pro X, mi piacerebbe perciò avere un programma che corregga l'esposizione di ogni foto per renderle il più omogenee possibili.

EDIT: trovato!!!! c'è anche per mac!! non l'avevo cercato nel posto giusto
adesso non mi resta che provare seguendo la vostra guida

grazie
Commento # 5 di: Baphomet pubblicato il 29 Febbraio 2012, 23:31
Bello, bravi!

L'inquadratura dell'edicola, poi, voi non la ritenete molto affascinante, e invece io l'ho trovata il momento più suggestivo del video, ahah
Tra l'altro è anche un immagine che ben evidenzia, mi sembra, il differente modo in cui la luce agisce sui CCD rispetto ai film.
Commento # 6 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 01 Marzo 2012, 00:39
Originariamente inviato da: Baphomet;3438962
... L'inquadratura dell'edicola ... io l'ho trovata il momento più suggestivo del video...
Io trovo più suggestive le inquadrature sulle montagne con le nuvole che passano o il sole che nasce.... Comunque anche lì, il senso era mettere in evidenza il dettaglio, su alte luci e basse luci (più che altro bassissime).

Ad aprile, quando saremo a Las Vegas per il NAB, io ed Ermanno abbiamo intenzione di produrre un altro time lapse in una location un po' particolare Speriamo di riuscirci.
Commento # 7 di: giapao pubblicato il 01 Marzo 2012, 20:46
giusto per completezza, per aggiungere l'intervallometro sulle reflex Canon (una buona parte), c'è il firmware magic lantern. nell'eventualità si avesse a disposizione un netbook o simili, c'è la eos utility che non permette però tempi al di sotto 5 secondi tra uno scatto e l'altro. per intervalli inferiori esiste dsrl remote pro.
altrimenti c'è l'intervallometro esterno
non conoscevo LrTimelapse, lo voglio provare asap
ciao a tutti
Gianni
Commento # 8 di: AirGigio pubblicato il 02 Marzo 2012, 16:38
Beh effettivamente Las vegas ma non sottovalutiamo la nostra cara Italia

Ancora i miei complimenti agli autori e non vedo l'ora di vederlo in reale 4K alla nuova presentazione Sony... per poi vederlo sul mio nuovo piccolo penso ci sia ancora tempo