Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Time lapse video in 2K e 4K

di Ermanno di Nicola , pubblicato il 28 Febbraio 2012 nel canale 4K

“Il Time Lapse è una tecnica piuttosto semplice che consente di realizzare video spettacolari, mettendo in sequenza immagini scattate a risoluzioni molto elevate. Nell'articolo, oltre alla produzione vera e propria delle immagini, viene affrontata la post produzione e il rendering fino a risoluzione 4K”

Post-produzione II: LrTimelapse


Con LrTimelapse è possibile normalizzare l'esposizione
- click per ingrandire -

Purtroppo gli otturatori delle macchine fotografiche non sono perfetti e c'è sempre una piccola differenza di esposizione fra uno scatto e l'altro. Questa piccola differenza fa sì che il video presenti continui cambi di luminosità che possono essere anche molto fastidiosi. LrTimelapse serve per sistemare questi piccoli cambi di esposizione, intervenendo soltanto sui metadata dei files RAW e senza modificare le immagini.


Lightroom - lettura dei metadata
- click per ingrandire -

Una volta aperto LrTimelapse, selezionando la cartella contenente le foto RAW corrette in Lightroom, partirà da solo l'analisi dell'esposizione. Una volta terminata l'analisi, basterà applicare le modifiche e salvare i nuovi  metadata nei file. Riaperto Lightroom, sempre nella libreria, selezionare di nuovo le foto e sempre sul menù Metadati selezionare Leggi metadati dai file. Come si può notare dalle impostazioni LrTimelapse ha apportato piccole modifiche sull'esposizione di ogni singolo scatto, adesso quindi siamo pronti per esportare il nostro Time lapse.


Lightroom - salvataggio dei dati
- click per ingrandire -

Sarà sufficiente esportare le immagini in formato JPEG al massimo della qualità, in modo da risparmiare spazio e accorciare i tempi di rendering. Per chi invece ha voglia di esagerare e spingersi al massimo delle possibilità,  sarà “sufficiente” esportare un formato TIFF a 16 bit. Io ho scelto quest'ultima strada poiché non ero disposto a scendere a nessun tipo di compromesso, volevo mantenere tutti i 14 bit di partenza dei files RAW per poter uscire alla fine con un DPX a 10 bit oppure con un JPEG2000 a 12 bit.