Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

HDR nei proiettori JVC D-ILA 2018

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 15 Febbraio 2018 nel canale 4K

“Lo scorso martedý 13 febbraio, presso la sede di JVC KENWOODK Italia, c'Ŕ stato un seminario tecnico sulla calibrazione in HDR nei proiettori JVC con tecnologia D-ILA serie 2018 ed Ŕ stata anche l'occasione perfetta per fare qualche domanda al rappresentante dell'azienda giapponese”

Le possibilitÓ di calibrazione HDR


L'inizio del seminario con la prima slide e l'avviso che non è possibile scattare foto
 - click per ingrandire -

Purtroppo durante il seminario è stato impossibile scattare foto o avere copia della presentazione. Fortunatamente si tratta di informazioni che io conoscevo già molto bene e che dovrebbero conoscere altrettanto bene tutti quelli che hanno letto i test dei proiettori JVC e Sony publicati lo scorso anno sulle pagine di AV Magazine. Dopo una introduzione generale sulla gamma dinamica estesa, Wataru Saegusa ha mostrato i punti di forza del menu di calibrazione dei JVC del 2018 "serie X" e in particolare il controllo del gamma in tre punti distinti, ovvero "Picture Tone" che permette di spostare il punto di clipping e i due ulteriori punti di intervento su alte luci e basse luci.

 
Il JVC DLA-X5900, il Sony VPL-VW260ES e l'Oppo UDP-203EU usati per la dimostrazione
- click per ingrandire -

Tutto questo, unito alla doverosa calibrazione di luminosità e contrasto, permette di effettuare un "tone mapping" certosino che pone limiti soltanto alla pazienza e all'ossessività di chi effettua la calibrazione. Trovate maggiori informazioni sulla calibrazione in HDR dei JVC nel first look modello DLA-X7900 che ho pubblicato in questo articolo. Nel frattempo, dopo il breve seminario, nella seconda parte della mattinata Wataru Saegusa ha mostrato le differenze con materiale SDR full HD e HDR 4K confrontando un JVC DLA-X5900 e un Sony VPL-VW260ES, entrambi in condizioni di default e senza calibrazione, il tutto con lettore Oppo UDP-203EU fornito da Audioquality.


Uno dei contenuti usato per le demo in SDR e HDR è Allied con Brad Pitt
- click per ingrandire -

Nonostante le riflessioni del soffitto, molto vicino al bordo superiore dello schermo, il rapporto di contrasto più che doppio e lo spazio colore più esteso del JVC DLA-X5900 hanno fatto la differenza, anche per la cronica mancanza del Sony di controlli per la calibrazione della curva del gamma in HDR, mancanze già evidenziate sul first look sul "260" che potete trovare in questo articolo (nell'ultima pagina). Il Sony purtroppo ha un "tone mapping" modesto che rende le immagini in HDR generalmente troppo scure, con scarsi elementi per la correzione, costringendo l'installatore alla selezione di curve del gamma alternative che devono essere caricate con un software particolare, oppure aiutandosi con processori esterni (es. Lumagen).


Il sottoscritto accanto al giovanissimo Wataru Saegusa che ci ha regalato qualche anticipazione
- click per ingrandire -

A corollario delle dimostrazioni, Wataru Saegusa ha anche risposto ad alcune domande poste da rivenditori e giornalisti, suscitando anche qualche sorpresa. In particolare Saegusa si è lasciato sfuggire anche qualche anticipazione. In particolare abbiamo appreso che JVC sta già lavorando all'implementazione dell'HDR10+ (ovvero ai metadati dinamici), con la speranza che questa nuova funzione sarà disponibile nella nuova gamma che dovrebbe arrivare entro fine anno. Sempre entro la fine del 2018 dovrebbe arrivare anche un nuovo proiettore a risoluzione nativa 4K, con lampada tradizionale, che colmi la distanza siderale - in termini economici - che c'è con l'attuale modello DLA-Z1 con sistema laser-fosfori dal prezzo suggerito al pubblico di ben 34.990 Euro IVA inclusa.

Per maggiori informazioni sui proiettori JVC: http://it.jvc.com/videoproiettori/proiettori-d-ila/

 

 

Articoli correlati

Preview JVC DLA-X7900

Preview JVC DLA-X7900

Il primo contatto con il nuovo proiettore JVC di fascia media Ŕ stato esaltante: assieme allo schermo ad alto contrasto prodotto da DNP, sembrava di essere davanti ad un OLED con diagonale da ben 100", il tutto ad un prezzo pari a meno della metÓ di un OLED da 77"...
Anteprima Sony 4K VPL-VW260ES

Anteprima Sony 4K VPL-VW260ES

Nella nuova gamma di proiettori home theater presentata ad IFA, Sony propone ora il suo "entry level" a risoluzione 4K nativa, compatibile con contenuti HDR10 e HLG, 1.500 lumen e ottica motorizzata, a 5.000 Euro; in attesa di un test approfondito ecco le prime misure



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: kabuby77 pubblicato il 16 Febbraio 2018, 15:53
Spendere 34000 euro per lo Z1 e trovarsi un contrasto nativo inferiore al modello jvc base....
Commento # 2 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 21 Febbraio 2018, 19:03
C'è addirittura il Sony VW5000ES da 65.000 Euro che ha un rapporto di contrasto nativo (full-on/full-off) ancora più basso, anche se di poco...

Emidio
Commento # 3 di: kabuby77 pubblicato il 22 Febbraio 2018, 10:29
Emidio, mi pare di notare un trend generale che con la diminuzione delle dimensioni dei pixel ci sia un peggioramento delle prestazioni (a parte la velocità di commutazione aumentata).