Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

DLP alla riscossa: BenQ W11000 4K

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 23 Novembre 2016 nel canale 4K

“Il primo videoproiettore DLP 4K consumer ad arrivare sul mercato è il BenQ W11000: un prodotto importante, telaio con dimensioni generose, ottica manuale con lens shift e zoom 1,5X, lampada tradizionale ad alta pressione e ruota colore 6X. Mancano però la compatibilità con HDR e spazio colore BT.2020”

La novità del 2015: il DLP 4K

In questi ultimi due anni Texas Instruments, che produce con brevetto esclusivo i componenti che sono alla base dei proiettori DLP, vista la progressiva saturazione del mercato del cinema digitale e l'arrivo del formato video 4K, ha iniziato nuovamente ad investire nel settore home theater. Lo scorso anno, al CEDIA EXPO di Dallas, ho potuto ammirare il primo prototipo di proiettore DLP con nuovo DMD con diagonale da 0,67" e risoluzione nativa a metà strada tra il full HD e il 4K. Trovate i miei commenti in questo articolo, subito dopo l'ISE di Amsterdam..

 
A sinistra il Barco DP4K-22L laser; a destra il prototipo Barco laser-fosfori 4K su châssis PGW
- click per ingrandire -

Nei mesi successivi, tra CES e ISE ho avuto modo di osservare alcuni prototipi commerciali da Barco, BenQ e Optoma, oltre che gli stratosferici prototipi di Texas Instruments, dotati di obiettivo quasi impossibile da mettere in una macchina "di serie". Tutti avevano quasi gli stessi problemi: ottica non all'altezza e livello del nero troppo elevato.

In queste ultime settimane ho avuto modo di testare per qualche giorno un primo prototipo di BenQ. Il mio feedback alla filiale italiana fu senza appello: la macchina è assolutamente impresentabile. L'euforia iniziale, quando sono andato a prendermi il proiettore direttamente in BenQ è stata disintegrata in pochi minuti. Neanche io sarei riuscito a metterla in condizioni utili per una dimostrazione. Il firmware troppo acerbo, il CR nativo più vicino a 500:1 che a 1.000:1, il bilanciamento del bianco quasi "indomabile", componevano un quadro a dir poco sconsolante.